itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Miika Vanhapiha

Miika Vanhapiha, noita (sciamano) del Karhun Kansa, racconta della sua organizzazione religiosa e della festa pagana finlandese di Kekri. Esperto di archeologia e di arte preistorica finlandese, Miika è conosciuto anche per aver ricostruito attrezzi di caccia e strumenti di raccolta utilizzando antichissime tecniche artigianali. Miika e il Karhun Kansa hanno dato vita ad un movimento religioso e culturale di riscoperta delle antiche radici pre-cristiane finlandesi e di salvaguardia del patrimonio sacro e naturale.

Lo abbiamo intervistato per sapere da lui qualcosa di più di un mondo per certi aspetti misterioso.

Miika, cos´ è il Karhun Kansa?

"Il Karhun Kansa (Popolo dell´Orso) è un'organizzazione religiosa ufficialmente riconosciuta dalle istituzioni governative, ispirata ad antichi culti pagani finlandesi. Prende il nome dall'animale sacro della tradizione finlandese, considerato l'antenato mitico di tutta l'umanità secondo la sua mitologia, per cui si può dire che tutti i finlandesi appartengano al popolo dell'orso.

Il fatto che sia una religione ufficialmente registrata significa che il Karhun Kansa ha la stessa dignità  religiosa e culturale delle altre confessioni ufficiali del Paese. In questo modo, anche i membri del Karhun Kansa sono protetti dalla Uskonrauha, ossia la legge che permette ai fedeli di varie fedi di professare e praticare liberamente il loro credo. Io ho anche ricevuto il permesso, a nome del Karhun Kansa, di ufficiare celebrazioni riconosciute dal Maistraatti (Ufficio registri statali), come matrimoni o funerali. Queste celebrazioni vengono ufficiate seguendo le antiche tradizioni pre-cristiane, tramandate attraverso la collezione di oltre 100.000 opere letterarie sopravvissute durante i secoli.

Il riconoscimento del Karhun Kansa ha anche aiutato il processo di individuazione, rivalutazione e di protezione di alcuni territori denominati hiisi, ossia alberi, pietre o promontori sacri, che altrimenti sarebbero a rischio di contaminazione urbana o addirittura di abbattimento."

Quali sono gli obiettivi del Karhun Kansa?

"Il Karhun Kansa offre uno spazio sociale per le persone accomunate dall'interesse verso il loro retaggio culturale, e che vogliono praticare le loro antiche tradizioni. È un gruppo culturale e religioso, di riscoperta dell'antica mitologia finlandese  e di educazione alla spiritualità pre-cristiana, legata alla natura, ai cicli naturali e ad un rapporto sciamanico con gli elementi. Il Karhun Kansa dà la possibilità a tutti i membri di esprimere la propria opinione e non è condizionato da un potere gerarchico del direttivo, che non detta legge nella pratica religiosa: le modalità di culto sono molto libere, ed ogni membro è libero di enfatizzare determinati aspetti piuttosto che altri."

Si avvicina il periodo di Halloween, ed ho scoperto che esiste una festa simile nella tradizione pagana finlandese: la festività di Kekri. Che cos'è ?

"Kekri è una delle feste annuali del calendario pagano finlandese: tradizionalmente la data veniva scelta tra la fine di settembre e l'inizio di novembre, a seconda del calendario delle attività agricole: la data era quindi collocata alla fine dei lavori agricoli stagionali, dopo la conservazione del raccolto, della macellazione di alcuni animali, della stagionatura di alcuni alimenti e così via.

Oggi la festa di Kekri si tiene normalmente intorno alla fine di ottobre, ed è tuttora legata alla produzione agricola ed alla raccolta alimentare. Durante il Kekri, le persone esprimono la loro gratitudine per i frutti della stagione passata, si incontrano, mangiano e naturalmente si divertono.

Collegato allo stile di vita di sostentamento del contadino ed al cambiamento delle stagioni, il Kekri rappresenta la fine della stagione autunnale e l'arrivo dell'inverno. Ciò significa che durante questa festa gli uomini, in sintonia con il resto della natura, iniziano a conservare la loro energia, preparandosi per il freddo intenso.

Con l'arrivo del gelo e dell'oscurità, il velo tra questo mondo e quello dei morti si assottiglia. Kekri quindi è il momento giusto per ricordare i defunti della famiglia, onorare gli antenati, e chiedergli dei consigli: questi spiriti vengono chiamati in finlandese haltijat.

Uno dei modi per onorare i morti era preparare del cibo per loro, usando le parti migliori di ogni alimento. Un altro rituale era quello di permettergli di avere anche un turno nella sauna. Tutto era ovviamente accompagnato da canzoni e rituali a tema."

Che cos´è il Kekripukki?

"Durante la festa di Kekri, alcuni dei partecipanti indossavano costumi spaventosi, andando da una casa all'altra. Ciascun individuo così travestito, chiamato Kekripukki (il capro di Kekri), era considerato sacro e lasciava  le case visitate solo dopo aver ricevuto cibo e bevande in abbondanza.

kekripukkoLa tradizione di nutrire il Kekripukki e di dargli da bere, derivava dall'abitudine di fare offerte agli haltijat. Quindi, fondamentalmente, Kekripukki era una rappresentazione di questi spiriti."

Come festeggiano il Kekri i membri del Karhun Kansa?

"Noi membri del Karhun Kansa celebriamo il Kekri con un variegato assortimento di costumi. Ringraziamo per i prodotti della stagione passata, ma l´enfasi è sempre sul culto dei morti, ricordandoli e chiedendo loro consigli e protezione.

Personalmente, penso che lo spirito più importante della foresta sia l'orso, quindi durante il Kekri onoro i morti, ma anche l´antenato animale della mia tribù: il karhu, l´orso.

Poiché il velo tra i mondi è così sottile durante i Kekri, il potere della morte (in finlandese, kalma) può essere pericoloso per tutto ciò che è vivente. Per questo motivo, cominciamo le nostre feste di Kekri uscendo all'esterno ed accendendo fuochi che producono fumo protettivo nella zona.

Viene inoltre intonato un canto chiamato "nascita del fuoco". Successivamente si passa ad un rituale della sauna, correlato ad incantesimi. Il giorno dopo si ritorna alla sauna, non prima però di averla lasciata accesa per un po´ a disposizione degli spiriti dei defunti.

Al cuore del Kekri c'è una grande festa serale, preceduta dal canto di versi che onorano i morti e il rapporto con loro. Durante la festa si tengono discorsi che descrivono le personalità e le gesta dei parenti e degli amici defunti, si fanno dei brindisi e, naturalmente, una visita del Kekripukki di cui parlavo prima.

La sera tarda è caratterizzata dalla performance dello sciamano (noita),  che intona canzoni inneggianti al lignaggio e al patrimonio culturale di tutta la comunità, entrando in contatto con gli spiriti della guarigione e della prosperità. A questo punto si possono fare altre offerte. "

Foto del titolo di Miika Vanhapiha in costume da 'noita' di Frank Wiersema © -  www.frankwiersema.com

raccolto

 La Rondine - 19.9.2017

Eventi

  • Le vie dell'anima
  • “Nuntii Latini” chiude?
  • Tampere: VIRE 2018
  • SKÁBMAGOVAT

 

All'interno del progetto de "La Via dell'Anima" nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli, sabato 3 marzo, Michele Vannelli, maestro di cappella e organista della Basilica di San Petronio di Bologna, interpreta alcune tra le più suggestive pagine organistiche di Bach, Liszt, Mendelssohn, Franck. Il concerto si avvale delle profonde sonorità del monumentale organo della Basilica romana.

Leggi tutto

Nelle periodiche classifiche internazionali la Finlandia è solita occupare regolarmente una delle prime posizioni, tra cui anche quella di essere il solo paese con un regolare programma radiofonico in lingua latina, a parte il Vaticano. Ebbene, la scure del risparmio, o della globalizzazione, sta per farle perdere questa non trascurabile caratteristica.

Leggi tutto

Si è tenuta a Tampere, nelle giornate del 20 e 21 gennaio, la prima edizione della VIRE, Fiera dell´alimentazione vegana e del benessere. La manifestazione, che punta a diventare un appuntamento fisso per appassionati e curiosi del mondo vegano e della cura del corpo, ha riscosso un buon successo di pubblico, come si vede dalle nostre foto.

Leggi tutto

Un festival cinematografico di straordinario interesse, dedicato alla cinematografia dei popoli indigeni, si tiene  nell'estremo nord dell'Europa, in un ambiente ghiacciato e buio tipico della regione artica. Siamo ad  Inari, nella Lapponia finlandese. I film sono proiettati nel Northern Lights Theatre, che ha un'atmosfera unica: è totalmente fatto di neve, con il cielo e l'aurora boreale come tetto. I film sono inoltre proiettati negli auditorium del Museo Sámi Siida e nel Centro Culturale Sajos.

Leggi tutto

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo prossimo si voterà per le elezioni politiche. Tutti gli iscritti all'Aire che non hanno comunicato la loro intenzione di votare in Italia riceveranno il plico contenente tutto il necessario per votare entro la fine di febbraio. Qui un video del Ministero con le istruzioni di voto:
https://youtu.be/7PvDieSPiaw

elezioni2018
 

Pubblicità

Testi

  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Profilo di letteratura finlandese
  • Romanzo storico finlandese
  • Mika Waltari e i conquistatori del mondo

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Yrjö Saarinen, Tanssiva Pariisi, 1930

Corpo fiammante, l'ardore di una pubblicità gigante:/ GITANAS! GITANAS!/ il fischio cristallino della locomotiva nella campana di vetro: / Parigi - Berlino - Costantinopoli.Questo è l’incipit della poesia “Gitanas, una delle più citate quando si discorre delle prime opere poetiche di Mika Waltari (1908-1979), testi pieni di estasi, incantamento e fascino dei fenomeni emblematici della vita moderna, fortemente romanticizzati ed esteticizzati.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • La Banca Centrale finlandese prevede crescita moderata per il 2018

    La crescita economica della Finlandia ha una base ampia alimentata dalle esportazioni, mentre allo stesso tempo la domanda interna continua ad essere sostenuta. Secondo le previsioni della Banca di Finlandia, il PIL crescerà del 3,1% nel 2017 e del 2,5% nel 2018. Negli anni 2019-2020 l'economia crescerà di circa l'1,5% all'anno. Le pressioni sui costi rimangono modeste e l'inflazione sarà più lenta di qualsiasi altra area dell'euro per tutto il periodo previsionale. Leggi tutto
  • Industria alberghiera, Finlandia: Scandic completa l’acquisizione di Restel

    Il 29 dicembre 2017 è stata completata dal gruppo Scandic  l'acquisizione delle attività alberghiere di Restel in Finlandia. Il 21 giugno 2017, Scandic aveva annunciato l'acquisizione di tali  attività. Il 5 dicembre scorso la transazione è stata approvata dall'Autorità finlandese per la concorrenza e il consumo, condizionata dalla cessione di un hotel a Lahti, uno a Pori e uno a Kuopio. Inoltre, Scandic si era impegnato a non partecipare a determinati progetti di hotel annunciati a Lappeenranta e Vantaa. Leggi tutto
  • Sempre più oriente per Finnair. Nuove destinazioni per l’inverno 2018-19. Potenziati anche i collegamenti per Roma

    Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, ha annunciato l'apertura di una nuova rotta  invernale per Lione, in Francia, per la stagione invernale 2018/2019. Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall'11 dicembre, Finnair effettuerà due voli settimanali per Lione dal suo hub di Helsinki con un velivolo E90. Leggi tutto
  • A Roma alla conferenza internazionale sulla lotta antisemitismo nell'area dell'OSCE c’è anche la Finlandia

    La Presidenza italiana dell'OSCE ospita lunedì 29 gennaio la Conferenza internazionale di Roma sulla responsabilità degli Stati, delle istituzioni e degli individui nella lotta contro l'antisemitismo nell'area dell'OSCE. La Conferenza riunisce oltre 400 partecipanti provenienti da oltre 45 Stati partecipanti e Paesi partner dell'OSCE per la cooperazione, con 20 capi delegazioni governative e alti funzionari dell'OSCE, dell'ODIHR, della Commissione europea e delle Comunità Internazionali ebraica, cristiana e musulmana. Leggi tutto
  • 1