itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Con la stampa estera in quasi continua adorazione del sistema scolastico finlandese e del sistema di welfare dei Paesi nordici in genere, si tende a presumere che tutti i servizi pubblici finlandesi siano allo stesso livello della scuola, e che i cittadini siano accompagnati, dalla nascita alla morte, da uno scudo protettivo capace di proteggere dalle crisi. Per questo l’incontro con il sistema sanitario finlandese può essere per molti una sorpresa: le cose sono cambiate, e continuano a cambiare.

Un adulto sano e impiegato difficilmente ha a che fare col sistema sanitario pubblico: i datori di lavoro sono infatti obbligati per legge a fornire assistenza sanitaria ai loro dipendenti. L'estensione della copertura varia a seconda del singolo contratto di lavoro, ma in pratica significa come minimo l'accesso a medici di base in centri privati come Mehiläinen e Terveystalo, le compagnie che di fatto hanno il duopolio sulla salute occupazionale privata. Le pratiche private di singoli sono quasi inesistenti, a eccezione di certe specializzazione come la psicanalisi, e l'intero settore privato costituisce solo il 3% di tutte le strutture sanitarie. Circa il 10% dei medici lavora esclusivamente nel privato, ma è possibile e piuttosto comunue che un dottore lavori in entrambi i settori contemporaneamente.

Per un immigrato in Finlandia la gravidanza può essere uno dei primi veri incontri con le strutture sanitarie pubbliche. I parti in strutture private sono una rara eccezione, anche perché tutte le visite mediche ed esami legati alla maternità sono gratuiti e il parto in ospedale costa circa 40 euro per ogni giorno di degenza (partorire in una delle poche cliniche private ha prezzi che variano da 7 a 10 mila euro). Il sistema di consultori comunali e gli ospedali per la maternità sono probabilmente una delle parti più organizzate ed efficienti dell'intero sistema sanitario nazionale, e combinati ad altri servizi come il famoso Äitiyspakkaus, i generosi congedi familiari e i sussidi di circa 100 euro mensili per figlio possono confermare l’impressione di un sistema pubblico senza problemi.

Tuttavia la prospettiva è ben diversa per chi, come disoccupati, malati cronici e pensionati, deve confrontarsi con il servizio sanitario pubblico regolarmente.
Per prima cosa il sistema sanitario nazionale non è gratuito, i cittadini devono pagare ticket che partono da 20,90 euro per una visita del medico di base (dopo la seconda visita questo servizio diventa gratuito per il resto dell'anno), crescono intorno ai 30 euro per una visita d’urgenza o specialistica, e arrivano a 40 euro al giorno per degenze ospedaliere (che variano a seconda del distretto ospedaliero). Esiste un tetto massimo di circa 700 euro annui a persone per spese mediche, dopo di che i servizi sanitari diventano gratuiti. Ma questo tetto non include le medicine, che sono raramente sovvenzionate più del 40% e per cui esiste un tetto di spesa separato di 605 euro.

kela1

Il rimborso delle spese per i medicinali

I costi quindi non sono eccessivi, e le fasce di reddito più basse sono esenti o sussidiate, ma per una famiglia con reddito medio-basso possono comunque avere un impatto non indifferente. L’assistenza sanitaria di base per i minori di 18 anni è invece completamente gratuita, e include i servizi odontoiatrici. Gli studenti universitari hanno invece accesso a un sistema separato per lo più gratuito o a prezzi calmierati organizzato e sovvenzionato dalla fondazione per la salute degli studenti YHTS.

L'assistenza sanitaria è guidata dal Ministero della salute (e dall'istituto per la sanità THL) ma organizzata a livello comunale. Questo fu voluto da una legge, la kansanterveyslaki, che dall’inizio degli anni ’70 sostituì il rudimentale sistema sanitario precedente e fece istituire un centro per l'assistenza sanitaria primaria, il terveyskeskus, in ogni comune. La riforma fece fare un balzo in avanti alla qualità della vita della popolazione, gli anni ’80 furono poi un periodo di spensierata crescita economica e l'epoca d'oro del welfare state finlandese, inclusi i servizi sanitari.

Ma quegli anni posero anche le basi per la lama, la recessione del decennio successivo che fu aggravata dalla caduta dell'Unione sovietica. Durante gli anni difficili, non potendo toccare le vacche sacre dell'educazione (oggigiorno molto meno sacre) a soffrire fu proprio la sanità. Anche se le spese sanitarie sono cresciute per via dell’invecchiamento della popolazione, c'è stata una riduzione dei servizi che continua fino ai giorni nostri, accentuata anche negli ultimi decenni di governi di destra (l'ultimo primo ministro di sinistra fu Paavo Lipponen nel 2003). La spesa sanitaria è stata nel 2014  del 9,7% del PIL, più o meno quanto in Italia, mentre in paesi come Germania e Francia e Gran Bretagna è sopra l’11% (per l’educazione in Finlandia si spende oltre il 7% del PIL, in Italia circa il 4%, Francia e Germania e Gran Bretagna sono intorno al 5%).

A soffrire del declino dei servizi è soprattutto l'assistenza primaria, ed essendo l’organizzazione di questa lasciata alle municipalità, le differenze tra comuni possono essere notevoli: ad esempio fra due comuni della stessa regione attorno a Helsinki la differenza nell'attesa per un appuntamento non urgente con un medico può essere di oltre un mese. Nelle zone più povere e remote le code possono essere ancora più lunghe (anche per servizi urgenti), e l’attesa può superare i tre mesi, secondo le statistiche del THL. A complicare le cose per molti cittadini, in Finlandia non sono previste visite a domicilio (solo alcuni servizi privati nati recentemente offrono questo servizio) e non esiste il concetto di medico di famiglia: ogni volta si va dal primo medico disponibile, che ha accesso a una comprensiva cartella clinica online, consultabile acnhe dai pazienti sul servizio kanta.fi. Il giornale britannico The Guardian aveva dedicato un articolo alle inefficienze di Oulu, dove fino a poco fa non era nemmeno possibile prenotare una visita per telefono.

La diagnostica e l’assistenza primaria possono quindi spesso problematiche, ma se si riesce a uscirne in tempo con una diagnosi corretta, l'assistenza secondaria è generalmente di buon livello. Questa non è in mano ai comuni ma è gestita da 20 enti ospedalieri regionali.
Infine le pratiche più complesse vengono praticate nei cinque ospedali universitari di Helsinki, Turku, Tampere, Oulu e Kuopio, tra cui non mancano centri di
eccellenza mondiale per cui la Finlandia a volte entra nelle liste dei migliori Paesi dove ricevere cure. Come nel caso del chirurgo ortopedico Sakari Orava, di Turku, balzato all'onore delle cronache per aver operato alcuni famosi campioni dello sport.

Una riforma dell'intero sistema sociosanitario finlandese è in discussione da anni, in una delle leggi più ambiziose della storia democratica finlandese: la Sosiaali- ja terveydenhuollon uudistus (abbreviata in "sote uudistus")  che prevede tra le altre cose il trasferimento della gestione dei  servizi sanitari dai comuni alle regioni, che diventano un nuovo ente amministrativo con membri eletti (al momento non ci sono livelli intermedi fra comuni e Stato). 

Un punto di contenzioso di questa riforma è la cosiddetta valinnanvapaus, libertà di scelta, per cui cittadini sarebbero in grado scegliere tra servizi pubblici o privati allo stesso costo (a seconda del proprio budget personale). Inoltre la riforma renderebbe più facile per privati e terzi competere nel settore, così che il pubblico potrebbe perdere oltre un miliardo di euro di introiti, indebolendosi ancora di più.
Nel giugno del 2017 la riforma stata di nuovo rimandata ed la sua messa in atto è ora prevista dal
2020.

La Rondine - 24.11.2017

Eventi

  • Canzonetta Nova a Roma
  • “Nuntii Latini” chiude?
  • Caravaggio & Co.
  • MATKA 2018
  • 100 anni di foto

A Roma, nella Basilica di San Giacomo in Augusta, giovedì 18 gennaio (ore 19) si tiene un concerto del coro finlandese Canzonetta Nova diretto da Elina Rantamäki, con Mikko Haapaniemi all’organo. Si eseguono musiche di J. S. Bach, Kaj-Erik Gustafsson, Toivo Kuula, Juhani Haapasalo, Morten Lauridsen, Leevi Madetoja, Jaakko Mäntyjärvi, Einojuhani Rautavaara, Heinrich Schütz, Jean Sibelius.

Leggi tutto

Nelle periodiche classifiche internazionali la Finlandia è solita occupare regolarmente una delle prime posizioni, tra cui anche quella di essere il solo paese con un regolare programma radiofonico in lingua latina, a parte il Vaticano. Ebbene, la scure del risparmio, o della globalizzazione, sta per farle perdere questa non trascurabile caratteristica.

Leggi tutto

Viviamo, è noto, l'epoca delle “scoperte” caravaggesche: le ossa, i celebri (e dubbi) “100 disegni mai visti” invece pare noti, la seconda Giuditta dipinta a Napoli nel 1607, forse copia di un originale mai pervenuto. Responsabilità dei media, oltre che degli storici dell’arte, ma anche dell’industria delle mostre, cui serve qualcosa da lanciare sul mercato per attirare un pubblico abituato agli effetti speciali della televisione e del mondo digitale. Una cosa è certa: Caravaggio tira sempre. Una conferma a Helsinki, Museo Sinebrychoff.

Leggi tutto

È giunta alla sua trentaduesima edizione la Matka Nordic Travel Fair. A Helsinki, dal 17 al 21 gennaio 2018, si tiene la fiera internazionale leader di settore in Nord Europa. Gli amanti dei viaggi e i curiosi di esperienze in paesi lontani avranno modo di trovare la destinazione più attraente per il prossimo anno. Gli espositori presentano destinazioni e suggerimenti a lungo raggio in Africa, Asia, America e Australia. Matka Nordic invita i visitatori a conoscere le più svariate destinazioni e un buon numero di paesi esotici.

Leggi tutto

Luci e ombre, vizi e virtù della Finlandia. Una storia fotografica al Museo Nazionale

In Finlandia proseguono le celebrazioni del centenario dell'indipendenza, e le iniziative per ricordare e valorizzare la storia culturale del Paese sono numerose. Una mostra fotografica presso il Museo Nazionale di Helsinki, Finlandia pubblica e segreta, apre una finestra su alcuni eventi non proprio accattivanti - ma storicamente significativi - che hanno dato forma al paese durante il secolo scorso.

Leggi tutto

Informazioni

 La Rondine riparte nel luglio 2017 in una veste nuova, ma con 15 anni di servizio: abbiamo iniziato nel lontano 2002, all'epoca Corinna Mologni, da noi intervistata, cantava all'Opera Nazionale di Helsinki nella Rondine di Puccini. Ci sembrò di buon augurio. Da allora tanti collaboratori si sono succeduti, molti sono migrati nuovamente, qualcuno fa di meglio. A tutti un grazie per un servizio informativo prestato volontariamente, per il piacere di farlo.

Pubblicità

Testi

  • L'estetica decadente nei romanzi di L.Onerva
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Profilo di letteratura finlandese
  • Romanzo storico finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese

Il soggetto femminile e “l'altro”

In uno dei miei primi studi riguardanti la tensione tra l'estetica decadente e la "Donna nuova" nell'opera dell'inizio del ventesimo secolo della scrittrice finlandese L. Onerva, vero nome Hilja Onerva Lehtinen (Helsinki, 28 aprile 1882 – 1 marzo 1972), ho citato la nota di Regenia Gagnier su monologismo e dialogismo nell'opera di scrittori, critici ed estetisti britannici e continentali di fine diciannovesimo secolo, aderenti all'estetica decadente. [1]

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • Boom del turismo estero in Finlandia. In netto aumento gli italiani

    I visitatori stranieri in Finlandia sono aumentati in settembre, con quasi mezzo milione di pernottamenti registrati. L'industria del turismo in Finlandia è in piena espansione, con pernottamenti dei visitatori stranieri in aumento dell'11,3% a settembre rispetto al 2016. Il maggior numero di visitatori proviene dalla Svezia,con poco meno di 50.000 mentre i russi hanno totalizzato 43.000 visitatori e i tedeschi quasi 41.000. Leggi tutto
  • La Banca Centrale finlandese prevede crescita moderata per il 2018

    La crescita economica della Finlandia ha una base ampia alimentata dalle esportazioni, mentre allo stesso tempo la domanda interna continua ad essere sostenuta. Secondo le previsioni della Banca di Finlandia, il PIL crescerà del 3,1% nel 2017 e del 2,5% nel 2018. Negli anni 2019-2020 l'economia crescerà di circa l'1,5% all'anno. Le pressioni sui costi rimangono modeste e l'inflazione sarà più lenta di qualsiasi altra area dell'euro per tutto il periodo previsionale. Leggi tutto
  • Industria alberghiera, Finlandia: Scandic completa l’acquisizione di Restel

    Il 29 dicembre 2017 è stata completata dal gruppo Scandic  l'acquisizione delle attività alberghiere di Restel in Finlandia. Il 21 giugno 2017, Scandic aveva annunciato l'acquisizione di tali  attività. Il 5 dicembre scorso la transazione è stata approvata dall'Autorità finlandese per la concorrenza e il consumo, condizionata dalla cessione di un hotel a Lahti, uno a Pori e uno a Kuopio. Inoltre, Scandic si era impegnato a non partecipare a determinati progetti di hotel annunciati a Lappeenranta e Vantaa. Leggi tutto
  • Sempre più oriente per Finnair. Nuove destinazioni per l’inverno 2018-19. Potenziati anche i collegamenti per Roma

    Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, ha annunciato l'apertura di una nuova rotta  invernale per Lione, in Francia, per la stagione invernale 2018/2019. Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall'11 dicembre, Finnair effettuerà due voli settimanali per Lione dal suo hub di Helsinki con un velivolo E90. Leggi tutto
  • 1