itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

L'Imam Abbas è il terzo da sinistra
Abbas Bahmanpour è Imam del centro culturale islamico Resalat di Mellunmäki. Un quartiere all'estrema periferia nord-orientale di Helsinki, circa 9.000 abitanti, bassi condomini costruiti in gran parte negli anni '70 del secolo scorso, qualche casetta isolata con giardino, il capolinea della metro cittadina che ha però un record: è la stazione della metropolitana più settentrionale del mondo. L'abbiamo incontrato insieme con suo padre Madjid Bahmanpour, curatore per il Resalat di mostre ed eventi culturali di origine persiana.
Abbas, nato a Tehran nel 1986 da madre finlandese e padre iraniano, è il primo Imam in Finlandia di origini finniche. Perfettamente bilingue, parla anche un ottimo inglese e l'arabo classico. Ogni giovedì sera e venerdì mattina, è possibile assistere alle sue lezioni sulla religione islamica in lingua finlandese. Madjid Bahmanpour, famoso cinematografo in patria e curatore dell'aspetto culturale del centro Resalat, organizza costantemente incontri, mostre, aste di tappeti e presentazioni di ospiti di origini persiane da tutto il mondo.
 
Imam Abbas, ci racconta come è nato il centro Resalat?
Il centro Resalat ("profezia" in lingua persiana ) è nato come risposta alla richiesta di un luogo di preghiera per la comunità musulmana sciita in Finlandia. La confraternita, composta principalmente da fedeli di origini iraniane e provenienti da territori appartenenti all'antica Persia come l'Afghanistan, ha personalmente contribuito economicamente alla costruzione del centro Resalat. Prima della sua fondazione, i fedeli si riunivano in varie abitazioni private, con ovvi problemi logistici.
Fu quindi fondata 20 anni fa la prima sede in una sala di preghiera nel centro commerciale di Lajasaalo. Nel 2010 si decise, in conseguenza del'aumento continuo dei suoi adepti, l'acquisto della sala odierna, assai più capiente, a Mellunmäki.
Al momento la comunità conta centinaia di iscritti e moltissimi visitatori musulmani o semplicemente interessati alla cultura persiana. Il numero più alto di visitatori si registra durante il periodo dell'Ashura, la più grande e sentita festività del calendario islamico sciita. In questo periodo la comunità ricorda il doloroso martirio dell' Imam Hussein, nipote del profeta Maometto ed Imam sciita. Questo lutto è diventato simbolo della lotta contro l'oppressione e del coraggio della richiesta per i propri diritti, anche in inferiorità numerica contro il nemico.
 
Quali titoli ha conseguito?
Ho conseguito la laurea triennale in teologia tra Londra e Damasco, tramite un progetto di collaborazione tra la International Mustafa University e quella del Middlesex. Il programma era un progetto multi-modulare di teologia e di hawza, ossia un seminario in cui si studiano argomenti di tipo religioso, storico, legale e culturale legati all'Islam sciita. Al momento sto completando il mio dottorato di ricerca in storia del Corano presso l'università di Helsinki.
 
Quando ha cominciato a studiare per diventare Imam?
Dopo la fine della scuola superiore, ero indeciso su cosa studiare. Ero molto interessato al programma di letteratura dell'Università di Cambridge, dove erano previsti molti percorsi monografici o comunque concentrati su una sola opera alla volta. In quell momento capii che non c era nessun altro libro a cui avrei voluto dedicare tanti anni della mia vita, se non il Corano. Questa riflessione mi ha quindi spinto ad iscrivermi all'università islamica di cui abbiamo parlato precedentemente.
Una volta completati gli studi e tornato in Finlandia, sono diventato l'Imam del centro Resalat. Questa scelta è stata molto ponderata, ed èstata dettata oltre che dai miei studi anche dalla necessità della comunità di avere un leader religioso musulmano ma finlandese.
 
Quali sono i lati positivi e negativi di essere un Imam metà finlandese e metà iraniano?
Sicuramente è un vantaggio poter interagire con entrambe le culture: Sono abituato a lavorare in collaborazione con finlandesi e con fedeli di altre religioni, con enti ed organizzazioni finlandesi, ed allo stesso sono essere sicuro di me nel relazionarmi con persone con background culturali diversi da quello finnico.
Il lato negativo della cosa invece è la difficoltà nel capire certi aspetti culturali che influenzano il modo di agire di alcuni gruppi di stranieri. In alcuni Paesi è quasi impossibile distinguere la cultura locale dalla religione islamica: le due cose si influenzano a vicenda. Essere cresciuto in FInlandia, Paese non islamico, mi ha permesso di studiare e comprendere meglio l'Islam senza interferenze culturali.
 
abbas1
 
Spesso promuovete iniziative culturali e religiose anche fuori dalla sede del Resalat. La settimana scorsa c'è stato un evento a Kamppi organizzato dal vostro gruppo giovanile, i Mahdin Nuoret. Di cosa si tratta?
L´evento è stato organizzato dai nostri Mahdin Nuoret ( "i giovani di Mahdi". Mahdi è un Imam identificato come il Messia che apparirà alla fine del mondo, e che precederà il ritorno di Cristo sulla Terra prima della sconfitta dell'Anticristo.). Questo fa parte di un progetto che si chiama Stand4Hussein. L'idea, nata in Norvegia, è quella di condividere una cioccolata calda insieme ad uno sconosciuto, di chiacchierare insieme e di creare un legame seppure momentaneo tra le persone di religioni e nazionalità diverse. Questo in onore dell Imam Hussein di cui abbiamo parlato precedentemente: sui bicchieri di cartone in cui è servita la cioccolata calda ci sono spiegazioni sulla sua vita e sugli eventi che l'hanno segnata.
 
abbas2
Le tazze di cioccolata dello Stand4Hussein. Foto a Cura di Sara Salmani ©
Il concetto di condividere del cibo con gli sconosciuti è molto comune nelle culture dei Paesi islamici: nel Medioriente, durante il periodo dell'Ashura, è tradizione condividere dolci e cibo insieme agli altri membri della comunità, ed in Finlandia è anche un modo “dolce” di rompere il ghiaccio tra le persone di background culturali diversi.
 
A quali altre iniziative interreligiose ed interculturali avete partecipato?
Una volta all´ anno, partecipiamo al Kolmen uskonnon foruumi, in cui si discutono temi religiosi con i rappresentanti delle religioni abramitiche, ossia Cristianesimo, Islam ed Ebraismo. Siamo andati in Italia nel 2015 in un tour di dialogo interreligioso internazionale, e recentemente sono intervenuto personalmente al 70simo anniversario del Finnchurch aid, dove ho parlato delle similarità tra il coraggio avuto dal Cristo e dall' Imam Hussein. Interveniamo anche spesso in televisione per parlare di temi attuali, come recentemente su YLE Areena per parlare dell'Islam in Finlandia.
 
Dottor Madjid, lei si occupa invece dell'aspetto culturale del luogo. Cosa è custodito nel centro culturale Resalat?
Nel centro Resalat ci sono oggetti di valore culturale sia temporanei che permanenti. Abbiamo una biblioteca privata dalla quale studenti di lingua e cultura persiana possono prendere in prestito volumi di poesie e storia, libri di religione islamica e letteratura di vario tipo.
 
abbas3
Una sezione della biblioteca privata del Resalat
Sui muri si possono ammirare pagine decorate del Corano, ed immagini tematiche dell'Ashura. Sono affisse anche gigantografie dei luoghi principali di culto sciita.
Abbiamo anche ospitato la celebrazione del Nawroz ( il capodanno persiano ) dell' Ambasciata Iraniana, invitando a festeggiare con noi anche personaggi politici finlandesi ed esponenti della Polizia.
 
abbas4
Madjid Bahmanpour
Ogni settimana abbiamo attività culturali insieme ai Mahdin Nuoret, e offriamo corsi di lingua persiana per bambini ed adulti.
In passato abbiamo ospitato anche il MEFA - Middle East Film and Arts Festival, e dei musicisti di musica tradizionale persiana.
Abbiamo anche una rivista, Salam, che si può acquistare presso il nostro centro culturale.
Gli eventi sono in lingua farsi ed in finlandese, quindi aperti a tutti. Su richiesta, è possibile anche un'introduzione in inglese.
Per il 2018-2020, abbiamo in piano una serie di mostre ed esposizioni di artigianato e di arte.
 
Il centro Resalat si trova a Mellunmäki, Kaunispääntie 5.
 
La Rondine - 20.10.2017

Eventi

  • Caravaggio & Co.
  • Erkki Tuomioja
  • 100 anni di foto

Viviamo, è noto, l'epoca delle “scoperte” caravaggesche: le ossa, i celebri (e dubbi) “100 disegni mai visti” invece pare noti, la seconda Giuditta dipinta a Napoli nel 1607, forse copia di un originale mai pervenuto. Responsabilità dei media, oltre che degli storici dell’arte, ma anche dell’industria delle mostre, cui serve qualcosa da lanciare sul mercato per attirare un pubblico abituato agli effetti speciali della televisione e del mondo digitale. Una cosa è certa: Caravaggio tira sempre. Una conferma a Helsinki, Museo Sinebrychoff.

Leggi tutto

 

 Giulio Terzi e Erkki Sakari Tuomioja

All'interno del Festival della Diplomazia, conclusosi recentemente a Roma, lo scorso 26 ottobre si è tenuto un affollato seminario, condotto dal prof. Raffaele Marchetti, presso la LUISS Guido Carli, Corso Scienze Politiche - sull’argomento ‘Il futuro della democrazia liberale’ con interventi di Erkki Sakari Tuomioja  (1946), politico finlandese, membro del Parlamento del suo Paese, e dell’ex Ministro degli Esteri italiano, ambasciatore Giulio Terzi.

Leggi tutto

Luci e ombre, vizi e virtù della Finlandia. Una storia fotografica al Museo Nazionale

In Finlandia proseguono le celebrazioni del centenario dell'indipendenza, e le iniziative per ricordare e valorizzare la storia culturale del Paese sono numerose. Una mostra fotografica presso il Museo Nazionale di Helsinki, Finlandia pubblica e segreta, apre una finestra su alcuni eventi non proprio accattivanti - ma storicamente significativi - che hanno dato forma al paese durante il secolo scorso.

Leggi tutto

Informazioni

 La Rondine riparte nel luglio 2017 in una veste nuova, ma con 15 anni di servizio: abbiamo iniziato nel lontano 2002, all'epoca Corinna Mologni, da noi intervistata, cantava all'Opera Nazionale di Helsinki nella Rondine di Puccini. Ci sembrò di buon augurio. Da allora tanti collaboratori si sono succeduti, molti sono migrati nuovamente, qualcuno fa di meglio. A tutti un grazie per un servizio informativo prestato volontariamente, per il piacere di farlo.

Pubblicità

Testi

  • Romanzo storico finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Profilo di letteratura finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • Le nuove norme europee per le controversie di modesta entità. Anche di natura ‘turistica’

    È entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 2015/2421 adottato dal Parlamento Europeo e dal Consiglio per semplificare ed ampliare l’ambito di applicazione del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Era l’anno 2009 quando veniva istituita questa nuova possibilità di accesso alla giustizia per i cittadini e le imprese europee. Leggi tutto
  • A Roma il Festival della Diplomazia all’Associazione della Stampa Estera

      Dal 19 al 27 ottobre torna a Roma il Festival della Diplomazia, giunto alla sua ottava edizione. "Il sistema geopolitico fra interessi nazionali e valori universali - Prìncipi e Princípi: come cambiano le relazioni internazionali quando le leadership populiste si scontrano con i valori di solidarietà e responsabilità multilaterale". È questo il filo conduttore di questa edizione del Festival della Diplomazia, manifestazione diffusa che, con oltre 50 eventi, coinvolge 70 ambasciate, sette università, luoghi di incontro della politica internazionale e prestigiosi partner scientifici. Leggi tutto
  • Si festeggiano quarant’anni di voli regolari tra Helsinki e Roma con la Finnair

    Questo 2017 è un anno di celebrazioni e festeggiamenti in Finlandia per il centenario dell’indipendenza conseguito allo scoccare della Rivoluzione d’ottobre che vide nel 1917 la fine dell’Impero russo e l’inizio dell’Unione Sovietica; la Finlandia era infatti, dal 1809, un Granducato sotto la sovranità della Russia. Le celebrazioni in corso si svolgono peraltro non solo in Finlandia ma in vari Paesi del mondo ed anche in Italia (vedi calendario qui ). Leggi tutto
  • Boom del turismo estero in Finlandia. In netto aumento gli italiani

    I visitatori stranieri in Finlandia sono aumentati in settembre, con quasi mezzo milione di pernottamenti registrati. L'industria del turismo in Finlandia è in piena espansione, con pernottamenti dei visitatori stranieri in aumento dell'11,3% a settembre rispetto al 2016. Il maggior numero di visitatori proviene dalla Svezia,con poco meno di 50.000 mentre i russi hanno totalizzato 43.000 visitatori e i tedeschi quasi 41.000. Leggi tutto
  • 1