itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Durante l'Helsinki Caffè, bellissima iniziativa dedicata alla Finlandia da Iperborea dal 26 maggio al 12 giugno 2014, a Milano, si è dato spazio a varie iniziative editoriali italiane che hanno come oggetto la cultura finlandese. Se l'interesse per i romanzi è ormai un fatto consolidato, dopo l'onda lunga lanciata proprio dall'editore Iperborea nel 1987, meno scontata è la presenza di editori che pubblicano anche testi poetici.

   Durante le giornate di maggio dedicate alla letteratura del Paese nordico, è stata presentata proprio una antologia di poeti e aforisti finlandesi, edita da Il Foglio Clandestino, "una piccola e appassionata realtà editoriale", così ce la presenta Gilberto Gavioli, "di poesia, traduzione e narrativa breve, raccolte di racconti".

   Sette i poeti finlandesi presenti: Jouni Inkala, Markus Jääskeläinen, Eeva-Liisa Manner, Annukka Peura, Mirkka Rekola, Johanna Venho, Katariina Vuorinen, e sette gli aforisti : Helena Anhava, Markku Envall, Sami Feiring, Paavo Haavikko, Samuli Paronen, Mirkka Rekola, Arto Seppälä.

   Colgo l'occasione per fare un paio di osservazioni sulla situazione della letteratura finlandese in Italia, come eventi di questo tipo, Helsinki Caffè e il volume, sollecitano.

   Un pregio indiscusso del volume è la presenza del testo originale a fronte. Non è un fatto scontato. Se la letteratura finlandese, e in particolare i romanzi, sono da qualche decennio un fatto quasi normale nel panorama culturale italiano, la presenza della lingua in cui questi testi sono scritti resta ancora un che di arcano, che crea persino imbarazzo in chi di fatto dovrebbe essere un promotore di quella cultura "e" di quella lingua.

 

 

da sin.T. Kyrö, P .Biancardi, K.Hotakainen. Di spalle, Aleksi e Touko Siltala

   Succede, per esempio, che nel corso dell'Helsinki Caffè di Milano, di fronte ad un pubblico certamente non generico di appassionati lettori, almeno due incontri cui ho partecipato, la presentazione del romanzo "L'amore nel vento" di Katja Kettu (Salani) e la conversazione sull'"Umorismo finlandese" con Kari Hotakainen e Tuomas Kyrö, si sono tenuti in lingua inglese. A parte le difficoltà con quella lingua di qualcuno degli ospiti, ho trovato davvero singolare che il veicolo di quella letteratura, e anche di quel suo spirito particolare (l'umorismo) fossero presentati in una terza lingua che non apparteneva a nessuno dei presenti.

   Non siamo abbastanza maturi, noi lettori, per sentire almeno come suona la lingua degli scrittori che tanto apprezziamo? Siamo sicuri, poi, di essere tanto bravi, con l'inglese, da riuscire a cogliere le sfumature di un dibattito sull'umorismo (!), senza temere almeno qualche fraintendimento? O di perdere qualcosa del meglio, quel che gli scrittori saprebbero dire, nella propria lingua, e che un buon interprete saprebbe rendere con buona approssimazione?

   È la stessa ragione per cui in Italia, ma non in Finlandia, tutti i film e i programmi televisivi non autoctoni sono doppiati. Anche in questo caso la scusa dominante è che, leggendo i sottotitoli, si perderebbe qualcosa... Ma invece, perdere il contatto con la lingua originale, con la voce degli interpreti, sarebbe una perdita di poco conto?

   Per tornare a "Poeti e aforisti", il problema sembra proprio di difficile soluzione. Perché persino in un volume come questo, che ha il pregio di avere l'originale a fronte, si legge nella Presentazione della parte poetica, "La poesia finlandese" di Paula Loikala, un' affermazione proprio sulla lingua dei testi tradotti: "Non è facile dare un'idea della lingua poetica finlandese, si tratta, infatti, di un idioma molto personale che sfugge ai tentativi di classificazione e interpretazione..."

Foto F. Figari

   Viene da domandarsi, ingenuamente: ma allora di cosa si occupano certi docenti di Lingua e Cultura finlandese, come in questo caso, presentando pubblicamente dei testi della propria lingua? Dove farsi un'idea della lingua di quella poesia, se un esperto non aiuta a classificare e a interpretare? Se no, che scrive a fare? Rovesciando le parti, si pensi a uno studioso che introduca, per un pubblico finlandese, le "Rime" di Dante. Compito nemmeno questo facile. Ma un lettore colto qualche distinzione tra le varie fasi dell'evoluzione linguistica e poetica nelle liriche dantesche se l'aspetta. Perché in questo caso è un'attesa normale, e nell'altro, invece, rimane una faccenda ' molto personale'? 

   Paradossale, alla luce di queste considerazioni, diventa il lavoro dei traduttori: che devono pur intendersene di registri linguistici e di classificazioni! Che significato ha il loro lavoro, se poi, chi li introduce, non sa dare il senso della loro fatica? Parlare di "sensibile e allo stesso tempo fedele traduzione dei testi" (sempre parole di P. Loikala) che significa? Di che fedeltà di tratta, trattandosi di una lingua "che sfugge"?

   Paradossale e persino insensato, quel lavoro, se la lingua da cui i traduttori traducono è (sempre P. Loikala nel risvolto di copertina) "molto diversa da quelle del resto d'Europa. Proviene infatti da un mondo arcano e misteriosoche riflette l'anima di un popolo vissuto da sempre a stretto contatto con la natura e i suoi fenomeni. Il mistero delle sue origini e la musicalità della sua lingua, tramandata oralmente per generazioni, ci comunica sensazioni come quelle provate dai primi viaggiatori giunti all'Ultima Thule, dove il cielo e la terra si toccano..."

   Il rimando a un mito, quello virgiliano dell'"Ultima Thule", il confine delle terre conosciute, ci dice qualcosa sulla indefinitezza in cui molti, per mancanza di coordinate storiche e culturali, collocano questa letteratura, e questa poesia. Come se appartenesse davvero al nebuloso popolo degli Iperborei, e non ad un Paese civile che ha una sua storia, anche linguistica, perfettamente classificabile e interpretabile.

   Chi non lo fa, e dovrebbe avere i titoli per farlo, collabora a un'opera di mistificazione, avvolgendo una cultura europea in un fumo di "mistero", di "arcano", che non le appartengono. Non lo si fa per altre culture, anche di Paesi cosiddetti periferici, di cui non si esalta la "esotica bellezza" (p. 16) ma si cerca di spiegare quella bellezza confrontandola, per esempio, con quella del Paese dei lettori cui le traduzioni sono destinate.

   Che agenzie di viaggio o programmi di intrattenimento televisivo celebrino regolarmente i misteri di un mondo esotico, e di una "natura incontaminata" , sarebbe tutto un altro mestiere. Il guaio è che, nel caso della Finlandia, pare che non sia proprio così.

   La Finlandia, e la sua tradizione culturale, aspettano persone che sappiano raccontarne agli altri la bellezza e la ricchezza senza fumi e misteri. Ma per farlo bisogna conoscere l'una e l'altra cultura, rimarcandone le differenze, per niente arcane, che ne costituiscono la ricchezza. Per favorire una salutare "contaminazione". Tenendo a mente che tutte le culture hanno, alle loro spalle, periodi arcaici, e non arcani, in cui si è maggiormente "a stretto contatto con la natura": sulle Alpi, su qualche ermo colle, proprio come sui monti di Impivaara di A. Kivi.

   In coda, devo segnalare una carenza del volume, che però ha a che fare con un'idea della traduzione, in Italia, ancora approssimativa. Leggo in copertina e nel frontespizio, sull'edizione cartacea, che i testi sono "traduzioni di A. Parente e L. Casati". E io mi domando: chi ha tradotto cosa? Hanno tradotto insieme tutti i testi? Ma allora, perché non metterli in ordine alfabetico, come è di consuetudine nell'editoria?

   Ad ogni modo, e anche questa è una forma di rispetto per tutti, il lettore ha il diritto di sapere se un certo testo è opera di quell'eccellente traduttore che è Antonio Parente oppure no.

(La Rondine - luglio 2014)

AA. VV. Poeti e aforisti in Finlandia

a cura di F. Caramagna e G. Gavioli

traduzioni di A. Parente e L. Casati e una nota di P. Loikala

edizioni del Foglio Clandestino

240 pagg. – 14 euro

http://www.edizionidelfoglioclandestino.it/

 

Eventi

  • SKÁBMAGOVAT
  • Le vie dell'anima
  • Tampere: VIRE 2018
  • “Nuntii Latini” chiude?

Un festival cinematografico di straordinario interesse, dedicato alla cinematografia dei popoli indigeni, si tiene  nell'estremo nord dell'Europa, in un ambiente ghiacciato e buio tipico della regione artica. Siamo ad  Inari, nella Lapponia finlandese. I film sono proiettati nel Northern Lights Theatre, che ha un'atmosfera unica: è totalmente fatto di neve, con il cielo e l'aurora boreale come tetto. I film sono inoltre proiettati negli auditorium del Museo Sámi Siida e nel Centro Culturale Sajos.

Leggi tutto

 

All'interno del progetto de "La Via dell'Anima" nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli, sabato 3 marzo, Michele Vannelli, maestro di cappella e organista della Basilica di San Petronio di Bologna, interpreta alcune tra le più suggestive pagine organistiche di Bach, Liszt, Mendelssohn, Franck. Il concerto si avvale delle profonde sonorità del monumentale organo della Basilica romana.

Leggi tutto

Si è tenuta a Tampere, nelle giornate del 20 e 21 gennaio, la prima edizione della VIRE, Fiera dell´alimentazione vegana e del benessere. La manifestazione, che punta a diventare un appuntamento fisso per appassionati e curiosi del mondo vegano e della cura del corpo, ha riscosso un buon successo di pubblico, come si vede dalle nostre foto.

Leggi tutto

Nelle periodiche classifiche internazionali la Finlandia è solita occupare regolarmente una delle prime posizioni, tra cui anche quella di essere il solo paese con un regolare programma radiofonico in lingua latina, a parte il Vaticano. Ebbene, la scure del risparmio, o della globalizzazione, sta per farle perdere questa non trascurabile caratteristica.

Leggi tutto

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo prossimo si voterà per le elezioni politiche. Tutti gli iscritti all'Aire che non hanno comunicato la loro intenzione di votare in Italia riceveranno il plico contenente tutto il necessario per votare entro la fine di febbraio. Qui un video del Ministero con le istruzioni di voto:
https://youtu.be/7PvDieSPiaw

elezioni2018
 

Pubblicità

Testi

  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Mika Waltari e i conquistatori del mondo
  • Profilo di letteratura finlandese
  • Romanzo storico finlandese

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Yrjö Saarinen, Tanssiva Pariisi, 1930

Corpo fiammante, l'ardore di una pubblicità gigante:/ GITANAS! GITANAS!/ il fischio cristallino della locomotiva nella campana di vetro: / Parigi - Berlino - Costantinopoli.Questo è l’incipit della poesia “Gitanas, una delle più citate quando si discorre delle prime opere poetiche di Mika Waltari (1908-1979), testi pieni di estasi, incantamento e fascino dei fenomeni emblematici della vita moderna, fortemente romanticizzati ed esteticizzati.

Leggi tutto

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • La Banca Centrale finlandese prevede crescita moderata per il 2018

    La crescita economica della Finlandia ha una base ampia alimentata dalle esportazioni, mentre allo stesso tempo la domanda interna continua ad essere sostenuta. Secondo le previsioni della Banca di Finlandia, il PIL crescerà del 3,1% nel 2017 e del 2,5% nel 2018. Negli anni 2019-2020 l'economia crescerà di circa l'1,5% all'anno. Le pressioni sui costi rimangono modeste e l'inflazione sarà più lenta di qualsiasi altra area dell'euro per tutto il periodo previsionale. Leggi tutto
  • Industria alberghiera, Finlandia: Scandic completa l’acquisizione di Restel

    Il 29 dicembre 2017 è stata completata dal gruppo Scandic  l'acquisizione delle attività alberghiere di Restel in Finlandia. Il 21 giugno 2017, Scandic aveva annunciato l'acquisizione di tali  attività. Il 5 dicembre scorso la transazione è stata approvata dall'Autorità finlandese per la concorrenza e il consumo, condizionata dalla cessione di un hotel a Lahti, uno a Pori e uno a Kuopio. Inoltre, Scandic si era impegnato a non partecipare a determinati progetti di hotel annunciati a Lappeenranta e Vantaa. Leggi tutto
  • Sempre più oriente per Finnair. Nuove destinazioni per l’inverno 2018-19. Potenziati anche i collegamenti per Roma

    Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, ha annunciato l'apertura di una nuova rotta  invernale per Lione, in Francia, per la stagione invernale 2018/2019. Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall'11 dicembre, Finnair effettuerà due voli settimanali per Lione dal suo hub di Helsinki con un velivolo E90. Leggi tutto
  • A Roma alla conferenza internazionale sulla lotta antisemitismo nell'area dell'OSCE c’è anche la Finlandia

    La Presidenza italiana dell'OSCE ospita lunedì 29 gennaio la Conferenza internazionale di Roma sulla responsabilità degli Stati, delle istituzioni e degli individui nella lotta contro l'antisemitismo nell'area dell'OSCE. La Conferenza riunisce oltre 400 partecipanti provenienti da oltre 45 Stati partecipanti e Paesi partner dell'OSCE per la cooperazione, con 20 capi delegazioni governative e alti funzionari dell'OSCE, dell'ODIHR, della Commissione europea e delle Comunità Internazionali ebraica, cristiana e musulmana. Leggi tutto
  • 1