itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Viviamo, è noto, l'epoca delle “scoperte” caravaggesche: le ossa, i celebri (e dubbi) “100 disegni mai visti” invece pare noti, la seconda Giuditta dipinta a Napoli nel 1607, forse copia di un originale mai pervenuto. Responsabilità dei media, oltre che degli storici dell’arte, ma anche dell’industria delle mostre, cui serve qualcosa da lanciare sul mercato per attirare un pubblico abituato agli effetti speciali della televisione e del mondo digitale. Una cosa è certa: Caravaggio tira sempre. Una conferma a Helsinki, Museo Sinebrychoff.

Digitali sono sicuramente le otto opere presentate nella “cantina” del Museo Sinebrichoff, opera di un toscano di Orbetello, il quarantenne Andrea Angione, scuola del cinema a Grosseto e Firenze, alcuni cortometraggi, da un po’ fotografia d’arte: nel senso che mette in scena, in studio, situazioni ispirate ad opere d’arte del passato, prevalentemente secentesche. Materiali che sono stati presentati a Palazzo Barberini a Roma e alla Galleria Permanente di Milano, così leggiamo nella scheda di presentazione. “Terribilis est locus iste” è il titolo biblico di questa mostra, e alla presentazione nel sotterraneo del Museo Angione si è detto quasi commosso della perfetta ambientazione delle sue opere. Il buio che le circonda contribuisce al “dialogo crepuscolare di luce e ombra” che tanto lo affascina nelle opere barocche.

Una “cena di Emmaus” con frutta traboccante dal cesto, una Maddalena in deliquio, un san Girolamo in preghiera con tanto di libro e teschio, Sant’Andrea legato alla sua croce. Guido Reni e Bernini sarebbero tra gli ispiratori delle foto, ma è indubbio che sia Caravaggio la musa dominante. Ah, quanti caravaggi in giro per l’Italia, quante mostre in cui è protagonista, basta una sola opera (come a Otranto, “Caravaggio e i caravaggeschi nell’Italia meridionale”), altrimenti ci si ispira e basta.

Alla presentazione, come anche nella solita generosa scheda di Jukka Petäjä su Helsingin Sanomat,  mi colpisce l’entusiasmo della “scoperta” con cui spesso opere italiane vengono presentate al pubblico finlandese. Ma basterebbe aver seguito le cose del belpaese almeno nell’ultimo decennio per sapere che c’è poco da scoprire. Ricordo a braccio solo alcune delle iniziative “ispirate a Caravaggio”, in vari campi dell’arte:

2011: Scatti caravaggeschi: Caravaggio reinterpretato dagli allievi della Libera Accademia di Belle Arti di Rimini, che “hanno rimesso in scena le atmosfere, i costumi, i colori e soprattutto la luce dei grandi capolavori caravaggeschi in chiave contemporanea.”

2013: Teatro, spettacolo di Tableaux Vivants “Messa in Luce” della compagnia Teatri 35. Una messa in scena di “percorsi Caravaggeschi lungo le Vie del Sacro”, dai Monti Dauni a Otranto.

2015 Milo Manara, pubblicazione della graphic novel La tavolozza e la spada.

 2016 Mostra a Milano: “Caravaggio in cucina”, di Renato Marcialis, precursore della “food photography”...

Foto, tableaux vivants, tavole da cucina. Come afferma uno storico dell’arte italiana in un suo pamphlet, “La madre di Caravaggio è sempre incinta”. E anche: “Tutto sta a Caravaggio come un CSI sta a Kubrick”, così Tomaso Montanari, ma lo stesso potrebbe dirsi in una certa misura di queste opere di Angione. In cui a far venire dubbi non è l’operazione, in sé legittima, di ispirarsi a opere del passato, ma la pretesa, esplicita, che quelle foto abbiano in qualche modo a che fare con quei maestri.

E il giornalista finlandese ci casca: degli attori messi in posa, con tanto di croci e teschi, afferma: “Ne eivät saa rikkoa barokkitaiteen autenttisuuden tuntua”. Guai a rompere la sensazione di autenticità barocca! Quale autenticità? Il fatto stesso di mettere Caravaggio accanto a Bernini e Reni sotto l’etichetta di “barocco”, senza nessuna esitazione, fa già venire qualche dubbio. Ci vedete davvero qualcosa della  forza, della terribile solennità che il pittore lombardo riusciva a dare anche al più banale dei fatti umani? Angione cerca “per strada” personaggi, sostiene Petäjä. “historiallisesti ladattuja hahmoja” (di forte connotazione storica), del genere che sarebbero potuti vivere nel 1600... e qui il rimando fa sorridere. Perché proprio dalla sua intervista ad Angione si viene a scoprire che i personaggi di strada sarebbero un parente del fotografo, un tatuatore del suo paese, l'ex morosa, una conoscente di buona famiglia romana in buen retiro sul Monte Argentario... Sarebbero questi i reietti pescati per strada da questo "Caravaggio contemporaneo?" Nascesse oggi, un Caravaggio, credo non gli mancherebbero temi e persone cui ispirarsi. E saprebbe dove andare a cercarli. 

Guardate i capelli lucidi di san Girolamo, il bel librone intonso appena consegnato da Amazon. Tutto è troppo patinato, troppo televisivo, troppo bello. Si può dire? Si può dire di queste confezioni che sarebbero perfettamente etichettabili, alla Franceschini, verybello?


Sinebrychoffin Taidemuseo

Bulevardi 40
00120 Helsinki

21.9.2017–28.1.2018

Eventi

  • Caravaggio & Co.
  • 100 anni di foto
  • Erkki Tuomioja

Viviamo, è noto, l'epoca delle “scoperte” caravaggesche: le ossa, i celebri (e dubbi) “100 disegni mai visti” invece pare noti, la seconda Giuditta dipinta a Napoli nel 1607, forse copia di un originale mai pervenuto. Responsabilità dei media, oltre che degli storici dell’arte, ma anche dell’industria delle mostre, cui serve qualcosa da lanciare sul mercato per attirare un pubblico abituato agli effetti speciali della televisione e del mondo digitale. Una cosa è certa: Caravaggio tira sempre. Una conferma a Helsinki, Museo Sinebrychoff.

Leggi tutto

Luci e ombre, vizi e virtù della Finlandia. Una storia fotografica al Museo Nazionale

In Finlandia proseguono le celebrazioni del centenario dell'indipendenza, e le iniziative per ricordare e valorizzare la storia culturale del Paese sono numerose. Una mostra fotografica presso il Museo Nazionale di Helsinki, Finlandia pubblica e segreta, apre una finestra su alcuni eventi non proprio accattivanti - ma storicamente significativi - che hanno dato forma al paese durante il secolo scorso.

Leggi tutto

 

 Giulio Terzi e Erkki Sakari Tuomioja

All'interno del Festival della Diplomazia, conclusosi recentemente a Roma, lo scorso 26 ottobre si è tenuto un affollato seminario, condotto dal prof. Raffaele Marchetti, presso la LUISS Guido Carli, Corso Scienze Politiche - sull’argomento ‘Il futuro della democrazia liberale’ con interventi di Erkki Sakari Tuomioja  (1946), politico finlandese, membro del Parlamento del suo Paese, e dell’ex Ministro degli Esteri italiano, ambasciatore Giulio Terzi.

Leggi tutto

Informazioni

 La Rondine riparte nel luglio 2017 in una veste nuova, ma con 15 anni di servizio: abbiamo iniziato nel lontano 2002, all'epoca Corinna Mologni, da noi intervistata, cantava all'Opera Nazionale di Helsinki nella Rondine di Puccini. Ci sembrò di buon augurio. Da allora tanti collaboratori si sono succeduti, molti sono migrati nuovamente, qualcuno fa di meglio. A tutti un grazie per un servizio informativo prestato volontariamente, per il piacere di farlo.

Pubblicità

Testi

  • Profilo di letteratura finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Romanzo storico finlandese

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • Le nuove norme europee per le controversie di modesta entità. Anche di natura ‘turistica’

    È entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 2015/2421 adottato dal Parlamento Europeo e dal Consiglio per semplificare ed ampliare l’ambito di applicazione del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Era l’anno 2009 quando veniva istituita questa nuova possibilità di accesso alla giustizia per i cittadini e le imprese europee. Leggi tutto
  • A Roma il Festival della Diplomazia all’Associazione della Stampa Estera

      Dal 19 al 27 ottobre torna a Roma il Festival della Diplomazia, giunto alla sua ottava edizione. "Il sistema geopolitico fra interessi nazionali e valori universali - Prìncipi e Princípi: come cambiano le relazioni internazionali quando le leadership populiste si scontrano con i valori di solidarietà e responsabilità multilaterale". È questo il filo conduttore di questa edizione del Festival della Diplomazia, manifestazione diffusa che, con oltre 50 eventi, coinvolge 70 ambasciate, sette università, luoghi di incontro della politica internazionale e prestigiosi partner scientifici. Leggi tutto
  • Si festeggiano quarant’anni di voli regolari tra Helsinki e Roma con la Finnair

    Questo 2017 è un anno di celebrazioni e festeggiamenti in Finlandia per il centenario dell’indipendenza conseguito allo scoccare della Rivoluzione d’ottobre che vide nel 1917 la fine dell’Impero russo e l’inizio dell’Unione Sovietica; la Finlandia era infatti, dal 1809, un Granducato sotto la sovranità della Russia. Le celebrazioni in corso si svolgono peraltro non solo in Finlandia ma in vari Paesi del mondo ed anche in Italia (vedi calendario qui ). Leggi tutto
  • Boom del turismo estero in Finlandia. In netto aumento gli italiani

    I visitatori stranieri in Finlandia sono aumentati in settembre, con quasi mezzo milione di pernottamenti registrati. L'industria del turismo in Finlandia è in piena espansione, con pernottamenti dei visitatori stranieri in aumento dell'11,3% a settembre rispetto al 2016. Il maggior numero di visitatori proviene dalla Svezia,con poco meno di 50.000 mentre i russi hanno totalizzato 43.000 visitatori e i tedeschi quasi 41.000. Leggi tutto
  • 1