itinerari culturali tra Italia e Finlandia 

Se in Italia si discute e ci si spacca, anche all’interno delle coalizioni di governo come nelle file dell’opposizione, per il Jobs Act, o la riforma del sistema elettorale, in Finlandia capita che in Parlamento ci si divida e si rompano consolidate alleanze per l’Alcool Act. Ogni Paese ha lo spirito che si merita. A volte la Finlandia sembra anche a noi un Paese Normale.

In discussione è l'innalzamento del limite di volume alcolico nella vendita diretta di negozi e ristoranti dal 4,7 % al 5,5 %. Possibile che si arrivi ai ferri corti per meno di un grado? La questione è, anche qui, complessa. E parte da lontano...

In principio era la Commissione Europea, che ha stabilito già da quel dì che l’attuale sistema di vendita degli alcoolici in Finlandia deve andare verso una totale liberalizzazione del mercato. Ma  il paese nordico, tra rinvii e concessioni, ha ancora un regime di monopolio per quanto riguarda la commercializzazione al dettaglio delle bevande alcoliche con gradazione superiore al 4,7 % di volume alcolico.
Le finalità di questo monopolio statale sono sostanzialmente due. La prima, di carattere sanitario: l’alcolismo è una piaga sociale e quindi si impone per lo Stato la necessità di controllare la vendita di alcolici con lo scopo di ridurre o almeno contenere i consumi. La seconda motivazione è di tipo fiscale: sulla vendita di alcolici grava un’elevata tassazione che rappresenta una fonte significativa di entrate fiscali.

Anno 1932: inaugurazione della prima rivendita Alko a Helsinki

Il monopolio statale in Finlandia si chiama Alko Oy ed è gestito dal Ministero della Sanità finlandese. Fondata negli anni ‘30 del Novecento, questa agenzia ha gestito fino a metà degli anni Novanta in regime di monopolio totale importazione, distribuzione e vendita delle bevande alcoliche. Dal 1995 è stata liberalizzata l’importazione e la distribuzione all’ingrosso, ma la vendita al dettaglio è rimasta in mano al monopolio statale che gestisce circa 500 punti vendita in tutto il paese, con oltre 2700 dipendenti.
Solo nel febbraio 2016 si è avviato l’iter preparatorio della Riforma dell’Alcool Act, allorché il Ministro degli Affari Sociali, Juha Rehula, ha presentato il suo progetto preliminare alla commissione ministeriale di Sanità. Il progetto cercava di trovare un punto di equilibrio tra la preoccupazione per gli effetti negativi del consumo e le esigenze della produzione.

Alla cassa di una rivendita Alko nel 1975

Dopo lungo studio e lunghe discussioni i tre partiti di governo sembravano aver trovato l’accordo per una serie di modifiche della severa legislazione statale sulla vendita delle bevande alcoliche.  Cosa dovrebbe cambiare?
Il massimo volume alcolico  consentito delle bevande in vendita nei negozi normali salirebbe dal 4,7% attuale al 5,5 %. Il partito di Coalizione e il partito populista degli Strafinni (Perussuomalaiset) si sono dichiarati favorevoli da tempo, mentre il Partito di Centro del primo ministro Juha Sipilä, che ha  forte radicamento in provincia e nelle zone rurali, si è mostrato altalenante. Qualcuno, al suo interno, sostiene che consentire la vendita della cosiddetta birra "A" (a forte gradazione) al dettaglio farà aumentare il consumo complessivo di alcool.



Ma vediamo più da vicino cosa prevedono le modifiche previste nel disegno di legge.
Ristoranti e bar saranno autorizzati a iniziare la vendita al dettaglio di bevande alcoliche con un contenuto alcolico fino al 5,5%.
Le piccole distillerie saranno autorizzate alle vendite al dettaglio di birre ad alto contenuto alcolico.
I negozi del monopolio Alko resteranno aperti la sera un’ora in più, fino alle 21.
Abolite le licenze speciali per la vendita di alcol in bar e ristoranti a tarda notte, per cui tutti i locali autorizzati potranno servire alcolici fino alle 4 del mattino.
Non saranno più necessarie zone “recintate” per la vendita di alcolici durante feste e festival.
Niente più restrizioni sull’utilizzo di ingredienti per la preparazione a casa di birra e vino, fine delle restrizioni sulla produzione di bevande fermentate.
Il personale di 16 e 17 anni potrà servire alcolici sotto la supervisione di un adulto.
Limitate anche le restrizioni sulle pubblicità relative, e permesso di usare espressioni accattivanti tipo “happy hour”.

La proposta ha avuto il sostegno delle piccole distillerie private e dei dettaglianti, ma con la netta opposizione della Alko, che teme per un crollo delle sue vendite.
Naturalmente la varietà degli interessi in gioco (produttori di birra, ristoratori, monopolio) trova ampia eco tra i diversi partiti, anche all’interno del governo. E ogni giorno si registrano nuove prese di posizione, preludio a scontri e compromessi nuovi. Il governo attuale ha una maggioranza di 106 membri (sul totale di 200) ma questa primavera 15 deputati del Centro e qualcuno del partito di Coalizione si sono schierati contro questa riforma.

Intanto cambia la leadership del partito governativo degli Strafinni, vince un estremista e razzista, Jussi Halla-aho, e il governo minaccia le dimissioni, ma i ministri strafinni decidono di staccarsi dal partito e formano un gruppo autonomo, Nuova Alternativa (Uusi Vaihtoehto), naturalmente deciso a restare nel governo. Non solo, ma poche ore dopo si sa che stanno fondando un nuovo partito, Futuro Azzurro (Sininen Tulevaisuus). Al cui interno Simon Elo, a proposito dell'Alcool Act, dichiara di appellarsi alla “libertà di coscienza” . Fantastico: non sembra una storia italiana? 

La proposta di legge ha avuto anche echi internazionali, finendo per allarmare il Monopolio vicino, Systembolaget, che ha la stessa funzione di Alko in Svezia. Una nota di preoccupazione è stata inviata dall’agenzia alla Commissione europea sottolineando i rischi per la salute dei vicini se il Parlamento finlandese approvasse la riforma.

Systembolaget mette a confronto i diversi Paesi del Nord Europa: “Il consumo totale di alcoolici nei Paesi Nordici è di 10,4 litri di alcool puro per adulto, cifra inferiore alla media EU di 12,5 litri”, scrive Kenneth Bengtsson, presidente dell’agenzia. E aggiunge: “Nei Paesi Nordici il consumo totale di Svezia e Norvegia è significativamente inferiore a quello finlandese”. Ma evita di fare riferimento alla media comunitaria.

La situazione è in continua evoluzione. Arriva la festa di Juhannus, a cavallo del solstizio d'estate, anche di notte il cielo di Finlandia è sempre più azzurro, e più normale. Salute!

(La Rondine - 22.6.2017)

ALTRI ARTICOLI Tenere premuto il tasto SHIFT per caricare tutto Caricare tutto

Eventi

  • “Nuntii Latini” chiude?
  • Le vie dell'anima
  • Tampere: VIRE 2018
  • SKÁBMAGOVAT

Nelle periodiche classifiche internazionali la Finlandia è solita occupare regolarmente una delle prime posizioni, tra cui anche quella di essere il solo paese con un regolare programma radiofonico in lingua latina, a parte il Vaticano. Ebbene, la scure del risparmio, o della globalizzazione, sta per farle perdere questa non trascurabile caratteristica.

Leggi tutto

 

All'interno del progetto de "La Via dell'Anima" nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli, sabato 3 marzo, Michele Vannelli, maestro di cappella e organista della Basilica di San Petronio di Bologna, interpreta alcune tra le più suggestive pagine organistiche di Bach, Liszt, Mendelssohn, Franck. Il concerto si avvale delle profonde sonorità del monumentale organo della Basilica romana.

Leggi tutto

Si è tenuta a Tampere, nelle giornate del 20 e 21 gennaio, la prima edizione della VIRE, Fiera dell´alimentazione vegana e del benessere. La manifestazione, che punta a diventare un appuntamento fisso per appassionati e curiosi del mondo vegano e della cura del corpo, ha riscosso un buon successo di pubblico, come si vede dalle nostre foto.

Leggi tutto

Un festival cinematografico di straordinario interesse, dedicato alla cinematografia dei popoli indigeni, si tiene  nell'estremo nord dell'Europa, in un ambiente ghiacciato e buio tipico della regione artica. Siamo ad  Inari, nella Lapponia finlandese. I film sono proiettati nel Northern Lights Theatre, che ha un'atmosfera unica: è totalmente fatto di neve, con il cielo e l'aurora boreale come tetto. I film sono inoltre proiettati negli auditorium del Museo Sámi Siida e nel Centro Culturale Sajos.

Leggi tutto

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo prossimo si voterà per le elezioni politiche. Tutti gli iscritti all'Aire che non hanno comunicato la loro intenzione di votare in Italia riceveranno il plico contenente tutto il necessario per votare entro la fine di febbraio. Qui un video del Ministero con le istruzioni di voto:
https://youtu.be/7PvDieSPiaw

elezioni2018
 

Pubblicità

Testi

  • Mika Waltari e i conquistatori del mondo
  • Il romanzo finlandese e l'identità nazionale
  • Profilo di letteratura finlandese
  • Il "Kalevala" e la poesia popolare finlandese
  • Romanzo storico finlandese

Yrjö Saarinen, Tanssiva Pariisi, 1930

Corpo fiammante, l'ardore di una pubblicità gigante:/ GITANAS! GITANAS!/ il fischio cristallino della locomotiva nella campana di vetro: / Parigi - Berlino - Costantinopoli.Questo è l’incipit della poesia “Gitanas, una delle più citate quando si discorre delle prime opere poetiche di Mika Waltari (1908-1979), testi pieni di estasi, incantamento e fascino dei fenomeni emblematici della vita moderna, fortemente romanticizzati ed esteticizzati.

Leggi tutto

Nei media finlandesi riecheggia ancora la polemica direttamente collegata alla riflessione sull'identità nazionale nella letteratura contemporanea della Finlandia. Ebbe inizio nel 2005, quando il traduttore tedesco Stefan Moster, nell'anno della sua partecipazione come membro della commissione per l'assegnazione del premio letterario finlandese più prestigioso, il Finlandia, accusò la letteratura finlandese - nella fattispecie il romanzo – di un insufficiente dialogo sociale: nella letteratura finlandese mancherebbero degli intellettuali radicali capaci di analizzare la società, sul tipo di Thomas Mann.

Leggi tutto

Dalle origini al Novecento

L’importanza della letteratura orale - Se parliamo di letteratura finlandese nel senso di letteratura della Finlandia, bisogna evidenziarne il carattere multilingue e multiculturale. Ai primi testi letterari scritti in latino (successivi all’arrivo ufficiale del Cristianesimo nel XII secolo), seguirono quelli in svedese (soprattutto quando, nel XVII secolo, fu fondata l'Accademia, vale a dire l’Università di Turku / Åbo). Dalla fine del XIX secolo, il finlandese divenne gradualmente la lingua di maggior diffusione nel paese e a partire dal XX secolo, principalmente dalla seconda metà, troviamo anche la letteratura in lingua sami; negli ultimi decenni, durante i quali la Finlandia si è maggiormente aperta al mondo, riscontriamo letterature in altre lingue minoritarie, sebbene di diffusione limitata.

Leggi tutto

Un corso universitario di letteratura finlandese dedicato alla tradizione del "Kalevala" e delle varie forme di Poesia popolare finlandese, quella epica, quella lirica. Il corso è stato tenuto all'Università di Firenze dalla professoressa Viola Parente-Čapkova nell'Anno Accademico 2001/2002. Ne riproduciamo la trascrizione col permesso dell'Autrice, docente di letteratura finlandese nelle università di Praga e Turku, certi che rappresenti una solida introduzione alla materia per studiosi e studenti di letteratura finlandese e di storia delle tradizioni popolari.

Leggi tutto

È stata pubblicata di recente la IX Appendice dell'Enciclopedia italiana Treccani, che contiene, tra le molte altre cose, anche l’aggiornamento della voce relativa alla Letteratura finlandese, scritta dalla nostra collaboratrice Viola Parente-Čapková. Abbiamo chiesto a Viola di farci avere, tratta da quel suo contributo, una scheda su una delle tendenze più marcate della produzione finlandese più recente, il genere del Romanzo storico.

Leggi tutto

Video

  • Sofi Oksanen

Intervista a Sofi Oksanen prima della pubblicazione del suo romanzo "La purga" in italiano.

La intervistiamo in luoghi di Helsinki da lei frequentati, a cominciare dal quartiere in cui vive, il Kallio.

Leggi tutto
Top UK Bookmakers b.betroll.co.uk betfair
How to get bonus http://l.betroll.co.uk/ LB

FIN • ITA

  • La Banca Centrale finlandese prevede crescita moderata per il 2018

    La crescita economica della Finlandia ha una base ampia alimentata dalle esportazioni, mentre allo stesso tempo la domanda interna continua ad essere sostenuta. Secondo le previsioni della Banca di Finlandia, il PIL crescerà del 3,1% nel 2017 e del 2,5% nel 2018. Negli anni 2019-2020 l'economia crescerà di circa l'1,5% all'anno. Le pressioni sui costi rimangono modeste e l'inflazione sarà più lenta di qualsiasi altra area dell'euro per tutto il periodo previsionale. Leggi tutto
  • Industria alberghiera, Finlandia: Scandic completa l’acquisizione di Restel

    Il 29 dicembre 2017 è stata completata dal gruppo Scandic  l'acquisizione delle attività alberghiere di Restel in Finlandia. Il 21 giugno 2017, Scandic aveva annunciato l'acquisizione di tali  attività. Il 5 dicembre scorso la transazione è stata approvata dall'Autorità finlandese per la concorrenza e il consumo, condizionata dalla cessione di un hotel a Lahti, uno a Pori e uno a Kuopio. Inoltre, Scandic si era impegnato a non partecipare a determinati progetti di hotel annunciati a Lappeenranta e Vantaa. Leggi tutto
  • Sempre più oriente per Finnair. Nuove destinazioni per l’inverno 2018-19. Potenziati anche i collegamenti per Roma

    Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, ha annunciato l'apertura di una nuova rotta  invernale per Lione, in Francia, per la stagione invernale 2018/2019. Conosciuta per la sua gastronomia, i monumenti storici e la sua vicinanza alle Alpi francesi, Lione è la seconda area metropolitana più grande della Francia. Dall'11 dicembre, Finnair effettuerà due voli settimanali per Lione dal suo hub di Helsinki con un velivolo E90. Leggi tutto
  • A Roma alla conferenza internazionale sulla lotta antisemitismo nell'area dell'OSCE c’è anche la Finlandia

    La Presidenza italiana dell'OSCE ospita lunedì 29 gennaio la Conferenza internazionale di Roma sulla responsabilità degli Stati, delle istituzioni e degli individui nella lotta contro l'antisemitismo nell'area dell'OSCE. La Conferenza riunisce oltre 400 partecipanti provenienti da oltre 45 Stati partecipanti e Paesi partner dell'OSCE per la cooperazione, con 20 capi delegazioni governative e alti funzionari dell'OSCE, dell'ODIHR, della Commissione europea e delle Comunità Internazionali ebraica, cristiana e musulmana. Leggi tutto
  • 1